Rimani in contatto con me.

Iscriviti.

Stress Lavoro Correlato

Un buon clima organizzativo incide profondamente sulla produttività e competitività dell’azienda, proprio perché riguarda il contesto operativo e relazionale nel quale si svolgono i processi lavorativi e di gestione e lo scambio delle informazioni fra i soggetti nei luoghi di lavoro.

In questo contesto, si inserisce la valutazione dello stress correlato al lavoro prevista nel D.lgs. 81/08 del Testo Unico sulla Salute e Sicurezza dei lavoratori. La normativa prescrive che ciascuna azienda deve aver almeno cominciato la propria valutazione dei rischi di stress dal 31 dicembre 2010 in poi.

Fondamentalmente ogni attività comporta un certo grado di stress psichico, che è parte integrante del lavoro stesso. Le sollecitazioni dal punto di vista psichico sono percepite in modo diverso da individuo a individuo. Possono avere conseguenze positive ed ampliare le competenze del soggetto ma se le conseguenze sono negative, possono comprometterne il benessere e la salute.

La valutazione permette di individuare e successivamente correggere anomalie, disfunzioni e aree di criticità, che se ignorate, rischierebbero di contaminare la comunicazione interna e di conseguenza incidere sulla motivazione del personale, sul senso d’appartenenza, sulla produttività e particolarmente sulla qualità della performance.

L’obiettivo che viene proposto alle aziende è quello di cogliere l’opportunità di fare dell’obbligo di legge uno strumento di prevenzione dei rischi di infortunio sul lavoro e contemporaneamente costruire le basi per migliorare il benessere lavorativo e la stessa efficienza aziendale.

La modalità d’intervento, la valutazione, l’iter del percorso e l’integrazione del rapporto e le conclusione al Documento DVR sarà concordata con il Committente ma seguirà in linea di massima le seguenti fasi:

Fase 1 – Momento iniziale di ricerca sui fattori stressogeni con la scelta degli strumenti più idonei

Fase 2 – Individuazione dei principali fattori di rischio psico-sociale

Fase 3 – Proposta di strategie idonee di intervento e monitoraggio dell’ambiente di lavoro con una metodologia partecipativa dei lavoratori e del management aziendale al fine di prevenire, ridurre o eliminare le fonti di “rischio di Stress” attraverso modalità collettive, individuali o miste. Le strategie sono concentrate in due aree:

  • Corsi di formazione progettati ad hoc per le esigenze emerse durante la fase di valutazione dello stress correlato al lavoro;
  • Sessioni di coaching ai managers e ai vertici aziendali per lo sviluppo di competenze specifiche rispetto alla gestione dei collaboratori e alla prevenzione dei rischi di stress correlato al lavoro.