Rimani in contatto con me.

Iscriviti.

Linguaggio del corpo: minuscole modifiche possono portare a grandi cambiamenti

 entrevista seleccion

Tutte le cose nella vita, credo che capitino perché siamo alla ricerca di stimoli. Questo video che oggi voglio condividere con voi, è arrivato così. Qualcuno potrebbe dire che è stato casuale ma in realtà io so che il titolo mi ha catturato. Parlava del linguaggio del corpo e io so bene quanto sia importante questo aspetto nella nostra comunicazione; quindi incuriosita ma un po’ scettica sono andata a vedere di cosa si trattava. Scettica perché ho pensato che erano le solite cose, incuriosita perché era un TED.

Ha vinto la curiosità sullo scetticismo ed ecco il premio. Un breve intervento con enorme sostanza. Amy Cuddy, Psicologa Sociale, professore e ricercatore presso la Harvard Business School, dove studia come il comportamento non-verbale e i giudizi affrettati influenzano le persone, in tutte le situazione della nostra vita, anche in quelle che meno immaginiamo.

Sembra scontato parlare dell’importanza del linguaggio del corpo in un colloquio di selezione, per esempio, o in una riunione d’affari in cui portiamo avanti una delicata negoziazione, situazioni in cui è essenziale saper leggere i segnali che lancia il nostro interlocutore per adeguare il nostro comportamento e la nostra comunicazione, in funzione dell’obiettivo che vogliamo raggiungere.

Non è così scontato invece, riflettere più profondamente su quanto il nostro linguaggio del corpo influenza il modo in cui gli altri ci vedono e su quanto possa incidere sull’immagine che abbiamo di noi stessi. La parte più interessante, quella che mi ha colpito di più di tutte queste riflessioni, è che cambiando il nostro linguaggio del corpo possiamo cambiare in maniera estremamente significativa la visione che abbiamo di noi stessi e come questo cambiamento può portarci ad avere risultati completamente diversi di quelli che sembrano stare fuori della nostra sfera d’influenza.

Nel suo intervento, Amy Cuddy mostra come assumere “posture di forza” – posture di fiducia, anche quando non ne abbiamo –  influisca sui livelli di testosterone e cortisolo nel cervello, e spiega come queste piccole modifiche possano avere un effetto così importante nel creare dei grandi cambiamenti e addirittura incidere sulle nostre possibilità di avere successo, appunto in quelle situazioni che dicevamo prima.

Ora non voglio dire altro, preferisco che sia lei stessa a sorprendervi con i risultati delle sue ricerche.

Eccola:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *